Finproject2 | Case e Appartamenti in Vendita a Sesto San Giovanni e dintorni

A breve potrebbe essere il momento del mercato immobiliare

Scritto da Ernesto_Rubolino il 29 ottobre 2013
| 0

investire in immobiliIl buon andamento delle vendite negli Stati Uniti e altri indicatori fanno presagire una prossima inversione di tendenza per il mercato immobiliare italiano. Per chi ha risorse a disposizione potrebbe essere venuto il momento di investire.

Come qualsiasi altro fenomeno, anche le crisi economiche non sono eterne, prima o poi finiscono e lasciano normalmente spazio ad un periodo di crescita. Chiaramente, l’inversione di rotta non avviene mai in modo repentino. Affinché un sistema economico provato da anni di difficoltà si rimetta a correre è infatti necessario un certo lasso di tempo, una sorta di pausa durante la quale, a dispetto dell’andamento positivo di alcuni indicatori, le condizioni di vita delle persone potrebbero anche continuare, per un po’, a peggiorare.

Il lato positivo delle crisi
Per chi ha risorse da investire, tuttavia, questo intervallo potrebbe rivelarsi un’occasione da non perdere. Chi decide di effettuare un investimento nel periodo che separa una crisi dalla successiva ripresa, infatti, può ritrovarsi, da un lato, ad acquistare a prezzi molto bassi e, dall’altro, a beneficiare in breve tempo di una crescita del valore del bene acquistato. A ben guardare, dunque, in ottica speculativa, una simile operazione sarebbe certamente da manuale, comportando un bassissimo rischio di perdita ed un’altissima probabilità di profitto.

Il prossimo futuro del mercato immobiliare
Ora, per il mercato immobiliare, questo momento così vantaggioso potrebbe essere arrivato. Molti segnali fanno infatti supporre che la contrazione dei prezzi avvenuta negli scorsi anni sia prossima ad esaurirsi. I luoghi dove di norma le tendenze anticipano ciò che poi succederà in Europa, ed anche in Italia, stanno sperimentando da tempo una crescita delle quotazioni delle case e degli immobili in genere. Come riportato da una recente ricerca (Re/Max, National Housing Report 2013), negli Stati Uniti lo scorso luglio le vendite sono salite del 17% mentre i prezzi sono cresciuti dell’11,5%. In pratica, al di là dell’oceano il valore delle case ha ripreso a salire e la cosa prosegue ormai ininterrottamente da più di 18 mesi.

La situazione in Italia
In Italia, si sa, al momento la situazione non è poi così rosea. Sull’onda del positivo andamento del mercato americano, tuttavia, lo scenario potrebbe presto cambiare. Una conferma in tal senso emerge dai dati presentati dall’Osservatorio sul Mercato Immobiliare dell’Agenzia delle Entrate (OMI), che mostrano come a livello nazionale la caduta dei prezzi sia in fase di rallentamento. Nel corso del II trimestre 2013, infatti, le vendite di immobili sono calate del 7,7%. Un dato non proprio incoraggiante, verrebbe da dire. Paragonando però questa cifra con il calo del 13,8% registrato nel trimestre precedente, ovvero solo 3 mesi prima, la situazione appare in una prospettiva molto diversa. Non a caso, come riportato da un recente articolo apparso sul quotidiano La Repubblica (Dal Qatar agli Stati Uniti: il mattone italiano fa gola all’estero – 20 ottobre 2013), il mercato immobiliare nostrano sta attirando molti investitori stranieri. Tra gennaio e ottobre di quest’anno, infatti, il volume delle transazioni promosse da società estere ha raggiunto i 2,75 miliardi di euro, quasi l’80% di tutte le transazioni avvenute in Italia nello stesso periodo.

La recessione… un’occasione irripetibile, soprattutto per gli investimenti immobiliari
Sebbene dunque i prezzi degli immobili risultino ancora molto bassi, è piuttosto evidente come l’investimento immobiliare nel nostro Paese rappresenti oggi un’opzione tutt’altro che da scartare. Per queste ragioni, qualora foste interessati ad acquistare un immobile, il consiglio è quello di cominciare a guardarsi in giro per valutare le diverse proposte di vendita nell’area di vostro interesse. Il momento giusto per fare affari potrebbe essere questo. Perderselo sarebbe stupido, anche perché vorrebbe dire rinunciare all’opportunità che spetta a chi, suo malgrado, si è ritrovato a vivere durante la più pesante crisi economica degli ultimi 80 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato.

  • Cerca altre proposte

    €0 a €1.000.000

    Mostra altre opzioni di ricerca
  • Calcola Mutuo

  • Email This Page