Finproject2 | Case e Appartamenti in Vendita a Sesto San Giovanni e dintorni

La casa… un bene prezioso da assicurare

Scritto da Ernesto_Rubolino il 30 aprile 2009
| 0

Assicurazione casa

Visti i tempi che corrono, tra crisi economica e calamità naturali, il tema delle assicurazioni sugli immobili e sui mutui ipotecari torna di grande attualità

L’acquisto di una casa, si sa, è un momento molto particolare della vita e lo è ancor di più oggi di fronte alle difficoltà economiche che più o meno tutti i Paesi stanno attraversando. Il discorso vale, chiaramente, soprattutto nel caso in cui l’operazione sia stata realizzata mediante l’accensione di un mutuo e dunque la contrazione di un debito pluriennale presso una banca. Tanto l’istituto di credito che eroga il prestito quanto il potenziale acquirente che lo sottoscrive si espongono infatti a tutta una serie di rischi legati, da un lato, all’integrità nel tempo dell’immobile e, dall’altro, alla capacità del mutuatario di far fronte al rimborso del mutuo sottoscritto e dunque di onorare il debito contratto.
Per garantirsi rispetto a tali rischi, da anni le banche, al momento della sottoscrizione di un mutuo, richiedono anche la contemporanea sottoscrizione di una polizza assicurativa incendio e scoppio finalizzata, si badi bene, a tutelare l’istituto, e non il neo-proprietario, nel caso in cui l’immobile sottoposto a ipoteca resti seriamente danneggiato o distrutto.
Nell’ipotesi in cui l’acquirente intenda garantire sé stesso di fronte ad eventi straordinari che potrebbero danneggiare, anche irreparabilmente, l’abitazione, sarà dunque necessario stipulare un’altra polizza che lo tuteli rispetto al rischio di perdere quello che per molti è l’investimento più importante di una vita.

Cautelarsi al meglio contro le imprevedibilità del futuro
Per chi crede che la prudenza non sia mai troppa, esistono poi diversi prodotti assicurativi studiati per garantire l’estinzione del mutuo in caso di perdita del posto di lavoro, malattia, grave invalidità o decesso del mutuatario. In questi casi la garanzia prestata da queste polizze, sempre più spesso richieste dalle banche al momento della sottoscrizione, è rivolta tanto all’istituto di credito, che potrà così essere certo di rientrare del prestito erogato, quanto al mutuatario e ai suoi familiari, che potranno non vedersi gravati dal peso di un mutuo nel caso di licenziamento, incidente o prematura scomparsa dell’intestatario del mutuo stesso (assicurato).
Qualora si scelga una di queste alternative, è importante prestare molta attenzione, oltre chiaramente al premio da versare, alle caratteristiche della polizza che si intende sottoscrivere ed alla tipologia di rischi contro i quali è possibile cautelarsi. A titolo orientativo, vista l’impossibilità di analizzare nel dettaglio tutti i prodotti proposti dalle compagnie assicurative, per le polizze incendio e scoppio è bene considerare attentamente il rimborso che si otterrà in caso di sinistro, che dovrà essere congruo rispetto al valore dell’immobile e dovrà anche tener conto della sua rivalutazione nel tempo. Del resto il valore di una casa difficilmente sarà uguale tra 10 o 20 anni.
Per le polizze vita o grave invalidità, sarà invece opportuno valutare accuratamente i casi (cause del decesso, tipologie di malattie, grado di invalidità) in cui scatta la copertura facendo ricadere sulla compagnia assicurativa il debito residuo, cioè la parte restante del mutuo.
Per quanto riguarda infine le assicurazioni contro la perdita del posto di lavoro, l’aspetto più importante è certamente legato al numero di volte in cui il pagamento delle rate può essere interrotto ed anche alla lunghezza del periodo di inattività garantito da copertura, ossia al numero di rate di cui l’assicurazione è disposta a farsi carico in caso di disoccupazione del mutuatario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato.

  • Cerca altre proposte

    €0 a €1.000.000

    Mostra altre opzioni di ricerca
  • Calcola Mutuo

  • Email This Page